Afterelerer Accelerator Card: è davvero “rivoluzionario”?

Nel giugno 2019 , Apple ha introdotto una “Carta acceleratrice per cambiare il gioco”. E ora che la Afterburner Accelerator Card è qui, è circondata da diverse domande: che cos’è? Perché e quando qualcuno dovrebbe averne bisogno? Vale veramente il prezzo? Potrebbe cambiare il gioco?

Bene, potremmo avere la risposta a questa e ad altre domande relative ad Apple Afterburner. Sulla carta, è una scheda acceleratrice hardware che può “trasformare il flusso di lavoro per i professionisti del cinema e del video”. Ora, vediamo cosa può fare fuori dalla carta.

Che cos’è Mac Pro Afterburner Accelerator Card e perché ne hai bisogno?

Costruito con un ASIC programmabile e oltre un milione di celle logiche, Afterburner può elaborare fino a 6,3 miliardi di pixel al secondo. Ciò consente un’esenzione ai flussi di lavoro proxy, in modo da poter iniziare a lavorare direttamente sui file 8K o 4K estratti dalla videocamera.

È una scheda acceleratrice appositamente progettata in grado di codificare i video utilizzando i codec ProRes e ProRes RAW di Apple. Se installato, Mac Pro può gestire fino a 6 stream di 8K ProRes RAW o 23 stream di 4K ProRes RAW.

Significa davvero cosa pensiamo significhi? Sì, la scheda si prende perfettamente cura di questo aspetto, liberando i tuoi core (fino a 28 core) da applicare ed elaborare per altri effetti e processi più creativi. Per semplificare, una parte significativa del processo coinvolto nell’editing e nel rendering dei video è occupata dalla Afterburner Accelerator Card.

Questo allevia la tua GPU dall’estrema pressione che potrebbe altrimenti affrontare, rendendo il flusso di lavoro complessivamente più fluido, veloce ed efficiente. Tuttavia, non è solo questo. Afterburner è anche un modo migliore per modificare i video rispetto ai file proxy.

Flussi di lavoro Ditch Proxy con Mac Pro Afterburner

Se non hai familiarità con il concetto, cerchiamo di elaborare. I video realizzati con la fotocamera di alta qualità sono più pesanti, rendendo difficile e lento il montaggio diretto. Tradizionalmente, i formati di file nativi vengono convertiti in file proxy leggeri per rendere le cose più fluide.

Al momento della modifica, i file proxy vengono ricollegati ai file nativi originali per il rendering finale. Mentre questo sicuramente rende le cose più facili, ci sono sicuramente alcuni problemi significativi in ​​questo metodo. Innanzitutto, in realtà non stai modificando il vero video 4k o 8k; stai praticamente eseguendo il rendering di una copia con una risoluzione inferiore.

Oltre al prezioso tempo impiegato nella transcodifica, ci sono un milione di cose che possono andare storte nel rendering finale dal sovraccarico del codec allo storage. Afterburner è quindi una tale svolta per i redattori video. Puoi “sfogliare video 8K” ed eseguire la correzione del colore, gli effetti e molto altro in tempo reale.

Secondo il CEO di Blackmagic Design, Grant Petty, “Il nuovo Mac Pro è facilmente il modo più veloce per modificare, classificare e completare film e programmi TV.”

Il costo contro l’effetto: dovresti comprarne uno?

Il prezzo di $ 2000 è sufficiente per sollevare alcune sopracciglia e domande sull’efficacia in termini di costi. Inoltre, nota che Afterburner è compatibile solo con Mac Pro al momento. Quindi, non sono solo $ 2000; dovrai sborsare molto di più per essere a conoscenza di questo capolavoro.

In tutta onestà, vale la pena scegliere se sei un editor video professionale che si occupa di ProRes o ProRes RAW. È possibile guadagnare presto l’investimento, con tutto il tempo e gli sforzi risparmiati e l’ottimo lavoro svolto. Tuttavia, per chiunque altro, questa scheda acceleratrice è praticamente inutile, anche se sei un creatore di contenuti che utilizza un iPhone o video DSLR.

Bene, è quello che fa adesso. A partire da ora ?? C’è qualcosa di più in Afterburner di quello che incontra i nostri occhi? Ci sarà sempre un mondo pieno di possibilità; diamo un’occhiata ad alcuni di essi.

Cosa prevede il futuro?

Come accennato, Mac Pro Afterburner è costruito con un ASIC programmabile, cioè FPGA (array di gate programmabile sul campo). Ciò significa che la scheda ha circuiti digitali riconfigurabili. Per dirla semplicemente, un FPGA può essere programmato per un’attività specifica, ad esempio una GPU per scopi di editing video.

Ora che le porte dell’inondazione sono aperte, possiamo sperare che nel corso degli anni possano esserci più casi d’uso di questa scheda acceleratrice programmabile e intelligente. Chissà, un giorno possiamo possedere tutti Afterburner personalizzati, che possono aiutare a creare musica, estrarre criptovaluta o eseguire algoritmi complessi. Posso solo sognare migliori possibilità.

Mac Pro Afterburner è una partita per te? 

Il Mac Pro afferma di possedere il “Potere di cambiare tutto”. E con l’aggiunta di Afterburner Accelerator Card, può sicuramente farlo per i professionisti del video editing. Se sei uno di loro, Afterburner, seppur costoso, è un’ottima partita. Quali sono i tuoi pensieri in merito? Condividi con noi nella sezione Commenti di seguito.

Ecco alcune altre risorse che potrebbero interessarti:

  • Recensione zaino MOS Pack: borsa straordinaria per professionisti della tecnologia
  • PDFelement 7: Editor PDF ricco di funzionalità per Mac e Windows
  • Aggiungi filigrane professionali per le tue foto con l’app per iPhone di PhotoMarks
  • Come far avviare automaticamente le app all’avvio del sistema su Mac

Se ti piace il nostro commento, non dimenticare di scaricare la nostra app iOS per tutte le cose di Apple. Puoi anche connetterti con noi sui nostri

Lascia un commento